L’Italia alcolica: ecco i drink più bevuti dagli italiani

L’Italia alcolica: ecco i drink più bevuti dagli italiani

Nonostante in Italia non si bevi quanto in alcuni paesi del nord Europa, anche noi abbiamo una notevole cultura del bere, legata stereotipicamente al vino e quelle bevute che si fanno dopo mangiato, in compagnia, con calma.
Ma la moda dell’aperitivo è arrivata e filtrata nella nostra cultura da un pezzo, ecco quindi il fioccare dei bar che offrono aperitivi ed apericene, assieme ad una vasta scelta di cocktail che si amplia sempre di più con il passare del tempo. Ma quali sono i drink che resistono nel cuore degli italiani? I più ordinati, a scapito delle mode?

Nel caso tu voglia imparare tutti i trucchi e i segreti per preparare questi e altri fantastici cocktail il nostro consiglio è quello di fare un percorso completo in una scuola barman Roma.

Vediamo insieme la lista completa:

Moijto

Un evergreen, uno dei cocktail più amati dallo scrittore Ernest Hemingway, il mojito vede la sua nascita nel bar “La Bodeguita del medio” a L’Avana, per opera del barman Angel Martinez nel 1942. Sembra che il nome derivi dal termine “Mojadito” che in spagnolo vuol dire bagnato.
Per fare il mojito:

  • 50 ml di rum bianco   
  • 6/8 foglie di menta
  • Acqua gassata
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna
  • Ghiaccio

Negroni

Nato nella Firenze degli anni 20, sotto richiesta del conte Camillo Negroni che, stanco dell’Americano chiese al barman Fosco Scarselli una spruzzata di gin al posto del seltz nel suo aperitivo. Da quel momento in molti iniziarono a chiedere “L’Americano alla maniera del conte Negroni” fino a renderlo uno dei cocktail più conosciuti.

Per fare il Negroni:

  • 25 ml di London Dry Gin
  • 25 ml di Campari Bitter
  • 25 ml di vermouth rosso
  • Ghiaccio

Cuba Libre

Molte storie girano attorno all’invenzione di uno dei cocktail più ordinati al banco. La più famosa dice che il Cuba Libre nacque per festeggiare l’indipendenza di Cuba dalla Spagna, ottenuta grazie all’aiuto degli Stati Uniti. Si decise quindi di mescolare la Coca Cola, prodotto americano, con il rum, prodotto cubano per unire simbolicamente i due paesi.

Per fare il Cuba Libre:

  • 5 cl di rum bianco
  • 10 cl di Coca Cola
  • 1 cl di succo di lime
  • 1 fetta di lime

Piña Colada

La Piña Colada è un cocktail tipico di Porto Rico, dove si dice sia stata creata da Don Ramon Portas Mingot, che tentava di ideare un cocktail originale a base di frutta. Si pensa che comunque nei Caraibi fosse già conosciuta una variante chiamata Ananas Colada.

Per fare la Piña Colada:

  • 3 cl di rum bianco
  • 9 cl di succo di ananas
  • 3 cl di latte di cocco
  • Ghiaccio
  • 1 fetta di ananas per guarnire

Scopriamo qualcosa su i cocktail

{CAPTION}

Il cocktail è una tipologia di drink che non passa mai di moda e ogni locali come l’Art Cafe Roma deve avere dei baristi che siano in grado di preparare quelli che sono i cocktail più famosi al mondo, magari intrattenendo il cliente anche con delle acrobazie.

Top cocktail: i migliori del mondo

Ci sono tantissimi cocktail al mondo e soprattutto diverse varianti, che cambiano di paese in paese e che rendono questi cocktail un’esperienza di gusto unica, ma ce se ne sono alcuni che sono leggendari e considerati i più importanti al mondo.

Cosmopolitan

Questo drink è tipicamente americano e rappresenta il fatto di essere  cittadini del mondo e si caratterizza anche  per il tipo di bicchiere in cui viene versato, una coppetta oblungata da cocktail con la classica fetta di lime.

Gli ingredienti di questo cocktail sono:

  • 5 parti di vodka

  • 3 parti di cointreau

  • 2 parti di succo di lime

  • 3 parti di succo di ribes

  • Ghiaccio

Per preparare il cosmopolitan viene prese lo shaker e dopo aver versato gli ingredienti  nell’ordine: ghiaccio, vodka, cointreau, succo di ribes e succo di lime va shakerato fortemente e versato nel bicchiere.

Apple Martini

Uno dei cocktail più famosi del mondo, chiamato anche Melatini,  è uno dei tanti drink che vengono preparati con una base di Martini in cui risalta fortemente l’odore di mela ed è considerato uno degli aperitivi più bevuti al mondo.

La preparazione di questo cocktail è molto particolare infatti,  le coppette dove versare il contenuto vengono messe in freezer e poi scolate con l’acqua e poi si versa la vodka , il liquore alla mela e il cointreau e dopo aver mescolato viene usato il filtro dello strainer e infine si decora il tutto con una fettina di mela.

Cuba Libre

Tra i cocktail più bevuti nel nostro paese troviamo sicuramente il Cuba Libre, dedicato all’isola di Cuba dove è stato creato, secondo voci per festeggiare la liberazione dall’influenza spagnola avvenuta grazie agli Stati Uniti e così sono state unite due  bevande come rum e coca-cola che rappresentavano i due paesi.

Gli ingredienti all’interno del Cuba Libre sono:

  • 4/10 di rum bianco

  • 6/10 di coca cola

  • 1 fetta di limone

  • Ghiaccio

  • La prima cosa da fare quando si prepara un Cuba Libre è quella di mettere il  ghiaccio e poi versare il rum e la cola e mescolare e infine guarnire con una fetta di limone.

Mojito

Un altro drink che nasce sulle spiagge cubane è il Mojito, la bevanda più apprezzata dai giovani che si ritrovano in discoteca.

Il nome del cocktail deriva dal “mojo” un condimento cubano che viene usato per la marinatura e per preparare un ottimo mojito bisogna: versare lo zucchero di canna, la menta e il succo di lime e mescolare  e dopo si aggiunge il  ghiaccio e si comincia a pestare per far uscire l’aroma di menta e si versa il rum e si guarnisce il bicchiere con foglioline di menta.